ZONA FRANCA - Cartiera Burgo di Duino tra pirogassificatore, via e chiusura stabilimento

Vai al video precedente

Manifestazione spontanea in piazza della Repubblica sotto il Comune di Monfalcone il 2 febbraio 2019

Vai al video successivo

26 posti di lavoro in pių in Fvg da febbraio dopo accordo sottoscritto tra sindacati e Poste Italiane

Aggiunto il: 01/02/2019
Visualizzazioni: 183

Grazie all’accordo sulle politiche attive sottoscritto tra organizzazioni sindacali e poste italiane, dal primo febbraio saranno in servizio ulteriori 26 portalettere con contratto a tempo indeterminato assegnati nei territori di Pordenone, Trieste e Gorizia.                               Un risultato importante che ha permesso la stabilizzazione complessiva di 37 lavoratori che avevano operato negli ultimi anni con contratti a termine nelle diverse province e che servira’ a potenziare non solo il settore del recapito ma anche gli uffici postali.                                                                                                                               

L’obiettivo di questo accordo è di creare occupazione: “pertanto abbiamo lavorato e lavoreremo per dare una opportunità a lavoratori precari che hanno dimostrato con la loro dedizione e affidabilità di meritare una chance. Ricordiamo che inizialmente l’azienda aveva previsto in tutta la regione solo 5 assunzioni per Pordenone”.                      Il risultato finale di 37 stabilizzazioni è frutto di un impegno costante che premia il lavoro delle organizzazioni sindacali “anche se riteniamo che Udine meriti una attenzione diversa che contiamo di recuperare nella fase successiva”.                                                        

I nuovi ingressi serviranno a potenziare un organico storicamente carente che risente degli effetti di un piano di esodi impegnativo ma soprattutto di volumi di traffico postale molto elevati anche per l’assenza di grandi competitors. In questa situazione, i centri di recapito del Friuli Venezia Giulia per funzionare devono essere sostenuti e pertanto auspichiamo che l’azienda confermi i numeri di contratti a termine previsti: diversamente, saremo fortemente in difficoltà, vanificando un percorso condiviso che sta portando ottimi risultati.                                               

L’accordo sulle politiche attive in questa prima fase, ha previsto per la nostra regione anche l’avvicinamento a casa di alcuni lavoratori, la trasformazione di quattro contratti part time in full time, assunzioni dall’esterno e opportunità di sviluppo professionale per rimpinguare l’organico degli uffici postali.                

Dal mese di febbraio infatti, saranno previsti 6 sportellisti per Pordenone, quattro per Gorizia, due per Trieste ed uno per Udine.                                                                                                                         

Nei prossimi mesi inizierà la seconda fase dell’accordo sulle politiche attive che seguiremo come al solito con grande attenzione con una serie di iniziative informative. il giorno 4 febbraio, incontreremo presso la Cisl di Udine il personale con contratto a termine per spiegare i contenuti dell’accordo e mettere questi lavoratori nella condizione di non perdere delle importanti opportunità.

Potrebbe piacerti anche...

MEDIA CORRELATI

Non ci sono media correlati