FVG - Trasporti pubblici affollati si, scuole aperte si, ma consiglio regionale con divieto di accesso per paura del Covid.

Vai al video precedente

App Immuni: sempre pi¨ probabile obbligo di scaricarla per usare mezzi pubblici ed andare nei locali

Vai al video successivo

SLOVENIA - Chiusura di asili nido, alberghi, ristorazione, limitazioni ai trasporti pubblici e funzionamento dei centri commerciali.

Da sabato si torna in lockdown.
Aggiunto il: 22/10/2020
Visualizzazioni: 86

Alla conferenza stampa del governo, il primo ministro Janez Janša ha sottolineato che l'attuale numero di infetti crescerà e crescerà per un po 'di tempo, quindi è anche in questo momento significativamente troppo presto per valutare se le misure complessive che abbiamo preso, come indossare maschere obbligatorie ovunque o restrizioni di movimento durante la notte, considerevolmente o per sufficientemente contribuire a limitare la diffusione del virus. "In ogni caso, alcune misure aggiuntive devono essere prese. Abbiamo una settimana davanti a noi per fermare la diffusione del virus tra di noi. Questa settimana sarà estremamente importante per frenare la diffusione dell'epidemia", ha detto.

Sabato la maggior parte delle attività nel paese verrà interrotta per una settimana Le misure previste nel piano, che è stato adottato all'inizio del mese, e che entrerà in vigore il sabato quando saranno accuratamente elaborate nelle ordinanze da adottare domani , sono: costipazione stabilimenti di ristorazione consentiti consegna di cibo, costipazione capacità alberghiera (con eccezioni per delegazioni d'affari, squadre diplomatiche e professionistiche sportive), chiusura di centri commerciali (ad eccezione del commercio alimentare, materiale edile e tecnico, mangimi e forniture agricole). Saranno chiusi anche i saloni di parrucchiere e di bellezza.

La prossima settimana la chiusura di asili nido, studentesse e residenze studentesche Gli asili chiuderanno lunedì, ma ci saranno delle eccezioni. Gli asili chiuderanno lunedì, ma ci saranno delle eccezioni. Poiché il numero di infezioni tra gli educatori è aumentato drasticamente, anche gli asili chiuderanno i battenti. "A questo punto appello a tutti gli educatori di scuola materna di indossare maschere, e richiedere il sindaco, in considerazione della situazione in singoli comuni e le città di organizzare la protezione del del vivaio, ove ciò sia necessario perché i genitori questa da sola non può fornire," ha sottolineato il presidente governo.

La prossima settimana saranno chiusi come studentati e studentati, ad eccezione di quelli rispettivamente. studenti che non hanno altre opzioni di alloggio. "Anche il trasporto pubblico di passeggeri passerà al Piano B, previsto per il caso in cui non ci siano scuole. Ciò significa che un terzo della capacità è disponibile", ha detto Janša.

Le nuove misure non sono sconosciute Il Presidente del Consiglio ha sottolineato che entreranno in vigore i decreti, azioni sintetiche, come quelle in vigore al momento dell'ondata primaverile dell'epidemia. "Non è niente di nuovo, niente di sconosciuto, le eccezioni che saranno, saranno definite come quando avevamo già una certa esperienza, in modo che il numero di contatti fosse il più limitato possibile, mentre allo stesso tempo sono andate tutte le cose urgenti".

Janša si è rivolto anche agli uomini d'affari. "A questo punto, mi chiedo uomini d'affari che, dove la produzione continuerà e in cui saranno necessari servizi, il lavoro dovrebbe avvenire da casa, ove possibile, e dove questo non è possibile, in particolare nel settore, e dovrebbe essere fatto che il rispetto rigoroso. tutte le misure preventive per prevenire la diffusione del virus ", ha sottolineato Janez Janša. Per ora, le ordinanze saranno in vigore per una settimana I decreti, che entreranno in vigore sabato, saranno adottati per una settimana, seguita da un riesame dell'eventuale necessità di proroghe. "Giovedi 'prossimo o Venerdì, il governo farà e adottare una nuova valutazione e di decidere se estendere loro, o li annulla, o li mitigare," il primo ministro ha detto. Ha aggiunto che la possibilità di limitare la circolazione ai comuni esiste ancora. Il governo deciderà in merito nei prossimi giorni. Per quanto riguarda l'attraversamento del confine di Stato, dal sabato si applicheranno le stesse regole di prima. L'introduzione del virus da altri paesi non è attualmente evidente, ha detto.

Il Primo Ministro ha annunciato che le linee guida per il sesto pacchetto anti-corona per eliminare e mitigare le conseguenze dell'epidemia erano in preparazione da diversi giorni . "Una volta che questi sono disponibili, un pacchetto legislativo sarà preparato per l'esame in Assemblea Nazionale il prima possibile ", ha aggiunto Janša. Stanno esplorando la possibilità di test di massa

Il governo sta anche esaminando la possibilità di test di massa o. approvvigionamento di test rapidi per tutti i gruppi a rischio, e nelle prossime settimane anche per l'intera popolazione. "Per quanto riguarda i test, il periodo di attesa è un grosso problema ", ha sottolineato il primo ministro Janša , aggiungendo che il sistema sanitario deve essere ulteriormente riorganizzato in modo che questo periodo sia più breve e che la priorità sia data a chi ha sintomi ea chi in questo momento sul posto di lavoro, ne abbiamo urgente bisogno. La Merkel ha offerto aiuto con attrezzature mediche "Siamo anche d'accordo con alcuni altri membri dell'UE per l'assistenza reciproca se ne avremo bisogno. Per ora possiamo, ma nessuna riserva è superflua", ha detto il Primo Ministro, aggiungendo che oggi era in una conversazione di un'ora con il Cancelliere tedesco Angela Merkel. dove hanno valutato molto attentamente le misure in entrambi i paesi per quanto riguarda il contenimento della covida-10, la parte tedesca ha offerto assistenza in attrezzature mediche critiche, se necessario.

Il Primo Ministro ha anche chiesto nuovamente il download dell'app Stay Healthy e ha ricordato che se tutti avessero l' app caricata con gli smartphone , potrebbero adottare misure più lievi. Ha aggiunto che il governo ha ribadito oggi che siamo in una situazione difficile , "ma in questa situazione stiamo facendo tutto il possibile per garantire che nessuno rimanga senza cure mediche di emergenza, non solo per covid-19 , ma anche per altri motivi" .

Jereb ha sottolineato i problemi con il personale medico

Operatori sanitari ai margini della capacità Preoccupazione per la situazione è stata espressa in mattinata dal capo dell'unità di terapia intensiva presso la clinica per le malattie infettive, Matja× Jereb . "Al momento la situazione è ancora gestibile, ma siamo tutti preoccupati che il numero di posti letto non sarà sufficiente in futuro", ha detto , aggiungendo che un ulteriore problema è che anche il personale medico si ammala. " Secondo gli ultimi dati, abbiamo già più di 100 operatori sanitari infetti presso il Centro medico universitario di Lubiana". È consapevole che la decisione se chiudere completamente la vita pubblica sarà di natura politica. Secondo lui, tuttavia, questa è una soluzione molto probabile al problema . Questa è "una misura estrema, aha funzionato nella prima ondata ", ha detto.

Potrebbe piacerti anche...

MEDIA CORRELATI

Non ci sono media correlati