Appalti esterni in fincantieri. Un arresto per sfruttamento del lavoro a Monfalcone

Vai al video precedente

ARRESTATI DALLA POLIZIA DI STATO TRE STRANIERI REI DI FURTO AGGRAVATO IN UN’ABITAZIONE A MONFALCONE

Vai al video successivo

MANCA UNA CARTA ED IL COMUNE DI STARANZANO LO SA: TARI CON +300% REPLICA NEGRARI: RIDUZIONE E' OPPORTUNITA' NON OBBLIGO

L'amministrazione comunica la mancanza di un documento e non dà modo all'impresa di inoltrarla ma si limita a dire di pagare e basta
Aggiunto il: 13/05/2019
Visualizzazioni: 281

La storia che vi stiamo per raccontare ha dell'incredibile e non è sicuramente di buonsenso e di trasparenza per il rapporto tra cittadini e Comune di Staranzano.

Ma andiamo con ordine: circa due settimane fa per posta ordinaria viene recapitata all'azienda una lettera con allegato il bollettino e l'importo della Tari da pagare assieme ad una comunicazione in cui si faceva sapere che non essendo pervenuta la documentazione per avere il diritto alla riduzione della tassa il Comune non poteva procedere alla sua riduzione senza dare la possibilità di rispondere. Ora, premesso che il Comune sapeva dell'attività consolidata da anni dell'azienda e del diritto alla riduzione, non si capisce per quale motivo non abbia trovato spazio l'applicazione dell art 10 bis aggiunto all'articolo 6 co 1 della legge 15 del 2005 che integrava la legge base 241 del 90.

Questo articolo prevede che in caso di diniego o di risposta negativa dell'amministrazione, il cittadino abbia 10 giorni di tempo per fare le proprie controdeduzioni od integrazioni. La norma non trova applicazione solo in pochissimi casi (prevalentemente assistenza e previdenza). Al di là magari delle interpretazioni della normativa che se pur abbastanza chiara potrebbe trovare delle difficoltà da parte di alcuni amministratori, c'è l'aspetto del buon senso. Perchè se l'amministrazione sbaglia o si dimentica le cose vige il ripassi e faremo, mentre quando si parla del contribuente c'è un paga e basta?

Proseguendo nel raccondo ci viene spiegato che all'incontro in Comune ci si  è trovati davanti "un muro di pietra", una risposta non per trovare soluzioni ma semplicemente che i termini son scaduti ed allora paga e basta.

L'amministrazione operando in questo modo non fa sicuramente bella figura e certamente non può invogliare imprenditori ad investire su quel territorio per paura di trovarsi davanti a scarsa sensibilità.

Come,si fa davanti ad una mancanza involontaria fatta notare dallo stesso Comune, non si può trovare una soluzione per far semplicemente pagare il dovuto e non un favore?

Dovremmo a questo punto pensare che l'importante è fare cassa visto anche il debito fuori bilancio dovuto al lodo Iris perso da questo Comune?

Il Comune replilca per bocca dell'Assessore competente Matteo Negrari. Voglio precisare che la riduzione della TARI è un opportunità e che ogni hanno si fa domanda entro il 31 marzo. Ci dispiace che questo sia accaduto ma per gli uffici non c'è modo di applicare la riduzione. La domanda infatti non è stata presentata nei tempi stabiliti. Quello che l'Assessore Negri vuole sottolineare è che il personale del Comune di Staranzano va tutelato perchè abbiamo persone in gamba. Se si vuole attaccare il Sindaco o la giunta ci può stare, ma non le persone che lavorano qui. Sono persone competenti e preparate. 

Fin qui la posizione dell'assessore. La domanda che noi però ci poniamo è se sia giusto che per una dimenticanza il Comune non sia tenuto ad inviare un avviso di richiesta di eventuali mutazioni dell'attività.

Potrebbe piacerti anche...

MEDIA CORRELATI

Non ci sono media correlati